VOCES: PRESENTATO IL PROGRAMMA 2015

In una conferenza stampa tenutasi presso la Provincia di Lecco è stata presentata l'edizione 2015 del festival VOCES, che, nel periodo di svolgimento di Expo, prosegue la sua missione di promuovere il patrimonio materiale e immateriale del territorio proponendo alcuni itinerari esemplari di musica, arte, cultura.

 Significativo è il ciclo dedicato ai “Luoghi di Leonardo”: una serie di escursioni guidate concluse da momenti musicali di forte impatto, che toccano luoghi ricordati espressamente da Leonardo da Vinci o probabilmente da lui conosciuti nelle sue visite sulle montagne del Lecchese.

Degna di particolare rilievo è la giornata dedicata all’antica presenza del rito patriarchino a Varenna: un gruppo di cantori provenienti dal Cadore, ultimi depositari del canto patriarchino tramandato oralmente per secoli nelle chiese del Veneto e del Friuli, sono chiamati a impreziosire con queste rare melodie la giornata della Festa del Lago.

  A Valmadrera, la splendida Villa Gavazzi sarà aperta per un’iniziativa sul mecenatismo culturale ottocentesco nel nostro territorio.

 A Civate, nota prevalentemente per i suoi monumenti medievali, si andrà a ripercorrere la Via Francigena, uno dei principali itinerari del pellegrinaggio medievale, con un’incantevole sequenza di canti e danze del Piemonte e delle Valli occitane.

Proseguendo un progetto di scambio fra luoghi depositari di una forte cultura tradizionale, il festival organizza quest’anno una gita in Valtrebbia, con visita a Bobbio e al monastero di S. Colombano, facendosi ambasciatore delle voci dei cantori premanesi, che terranno un concerto nell’ambito di Appennino Festival.

 Come è ormai tradizione, Voces si chiude con la celebrazione dei Vespri della Beata Vergine in latino.

Nella foto, la rinnovata immagine del festival, elaborata da Nicoletta Ghislanzoni di Openspace.

Grazie ai sostenitori pubblici e privati e al pubblico che ci segue.

MESSA IN LATINO E CANTO AMBROSIANO A LECCO - I DOMENICA D'AVVENTO

Un appuntamento di alto valore culturale e spirituale avrà luogo domenica 16novembre alle ore 18 a Lecco nella chiesa di San Giovanni Evangelista (rione San Giovanni, piazza Cavallotti 1), dove sarà celebrata la Messa della I Domenica di Avvento in latino e canto ambrosiano (Novus Ordo).

La celebrazione sottolinea l’importanza dello sforzo di ricuperare anche nelle celebrazioni parrocchiali il prezioso patrimonio della tradizione liturgica e musicale milanese. Ogni anno infatti la parrocchia di San Giovanni, guidata dal parroco don Emilio Colombo, organizza, in alcuni dei momenti principali dell’anno liturgico, delle celebrazioni che offrono ai fedeli la ricchezza di una tradizione che attualmente conosce un notevole risveglio di interesse, specialmente fra i giovani.

Particolare interesse rivestono i canti: sarà infatti eseguita l’intera serie dei pezzi che la tradizione ambrosiana ha associato alla prima domenica di Avvento: una magnifica collana di testi, che le antiche melodie rivestono ed esaltano sottolineandone la bellezza letteraria e la pregnanza catechetica. Si ricorda ad esempio il canto d’ingresso “Ad te levavi” e il canto di comunione “Sicut fulgur”, che paragona l’avvento di Cristo a un lampo che brilla da Oriente fino all’Occidente.

Essi saranno eseguiti dall’ensemble Antiqua Laus, uno dei migliori gruppi vocali specializzati nel repertorio gregoriano e ambrosiano. Fondato a Varese nel 2008 e diretto da Alessandro Riganti, ha cantato da allora in moltissimi concerti e liturgie. Ha all’attivo vari CD e ha promosso lo studio, la pubblicazione e l’esecuzione di manoscritti che tramandano il canto ambrosiano nelle varie epoche storiche. In collaborazione con la compagnia Ex Novo ha dato vita  a significativi progetti di teatro unito alle antiche melodie liturgiche e ad armonizzazioni originali, fra i quali “In nome della Madre" su testo di Erri De Luca.

La liturgia sarà inoltre accompagnata dal grande organo Mascioni suonato da Marcello Rosa.

VOCES + PREMANA RIVIVE L'ANTICO: VESPRI DI TRADIZIONE ORALE A PREMANA

L'Ultimo appuntamento del 2014 con il festival VOCES a Premana all’interno della manifestazione “Premana rivive l’antico”:

Domenica 12 ottobre, ore 16 - Premana, Chiesa Parrocchiale di San Dionigi

I VESPRI DI TRADIZIONE ORALE A PREMANA

Domenica 12 ottobre a Premana (Lecco)il festival VOCES propone un appuntamento con il patrimonio musicale di tradizione orale di Premana, paese posto a 1000 metri di altitudine sulle montagne che segnavano il confine fra il Ducato di Milano, la Repubblica Veneta e il Canton Grigioni (al tempo in cui occupava la Valtellina): qui si trova il ‘deposito’ di canto popolare più importante dell’intero arco alpino.

 Alle ore 16 nella chiesa parrocchiale di San Dionigi saranno celebrati i Vespri solenni in latino con le melodie del repertorio liturgico ‘popolare’ usato fino all’introduzione della nuova liturgia elaborata dopo il Concilio Vaticano II. È musica tramandata oralmente, che sopravvive nella memoria di chi l’ha cantata fino ad allora, e che viene eseguita con le tipiche caratteristiche del canto ‘alpino’: la vocalità spiegata e generosa, gli inserti polivocali, gli ampi vocalizzi dei pezzi più solenni. Al termine saranno intonati due brani nei quale la tipica vocalità premanese si dispiega con tutta la sua forza: una Ave Maria e la lauda O bella mia speranza (su testo di s. Alfonso de’ Liguori). La maggior parte dei canti sono stati registrati per la prima volta nel corso di una ricerca svolta da Res Musica nell’ambito nel progetto R.E.I.L. promosso da Regione Lombardia con il contributo delle Province di Lecco, Monza e Brianza, Varese.

L’evento si svolge all’interno della manifestazione “Premana rivive l’antico”, una straordinaria iniziativa che fa rivivere vivere il passato, in un ambiente che ancora ne conserva tante tracce (per i dettagli si veda il sito www.premanarivivelantico.it ) e fa parte di VOCES – Festival di musica tradizionale e antica organizzato da Res Musica con il contributo di Regione Lombardia, Provincia di Lecco, Comune di Merate, con  il sostegno di Banca della Valsassina e Acel Service.

 Info: Res Musica 0341 282156 – 392 4671504

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.