Sabato 22 giugno 2015: LA VOCE, L'IMMAGINE - Itinerario leonardesco a Cremeno (Lc)

RITROVO: alle ore 20.30 presso la  chiesa parrocchiale di San Giorgio 

VISITA GUIDATA: alla scoperta dei due importanti polittici cinquecenteschi di ascendenza leonardesca conservati nelle chiese di San Giorgio e di San Rocco

CONCERTO: alle ore 21.15 concerto  per voce e liuto con musica rinascimentale interpretata dal soprano Vera Marenco e dal liutista Giuliano Lucini: una meditazione musicale e artistica di grande intensità che vivifica la contemplazione delle realizzazioni pittoriche con stupendi pezzi musicali della stessa epoca.

 L’imponente polittico della chiesa di S. Giorgio fu commissionato nel 1534 a Sigismondo De Magistris e al suo allievo Ambrogio Arcimboldi, che, rispetto al maestro, si distingue per l’evidente influsso del Luini. Nel registro inferiore rappresenta varie figure di santi e la Madonna col Bambino, in quello superiore San Giorgio e il drago. Nella chiesa di San Rocco si trova una tavola dipinta nel 1523 da frate Stefano da Pianello; insieme alla precedente, costituisce un’importante testimonianza della volgarizzazione del linguaggio leonardesco in Valsassina.

GLI ARTISTI. Il soprano Vera Marenco (nella foto), protagonista del concerto, è laureata in Filosofia e diplomata in Canto con specializzazione in Polifonia Rinascimentale, si occupa di musica antica, vocalità, polifonia. Al Festival di Spoleto ha curato per alcuni anni la rassegna di musica sacra “Ora Mistica”, mentre con l’Associazione Musicaround organizza vari eventi culturali tra cui la Rassegna “Canti Sacri nel Mediterraneo”, dedicata alla voce e al sacro. Ha tenuto corsi e seminari di vocalità e repertorio, e dal 2008 è docente di polifonia e vocalità ai corsi di musica antica di Varallo Sesia e Pomarance. Ha pubblicato una decina di CD con repertorio medievale, rinascimentale, barocco e contemporaneo. È  autrice di trascrizioni, arrangiamenti e composizioni originali. Ha cantato per Concerti del Quirinale di Radiotre, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Amici della Musica di Firenze, Orchestra Regionale di Toscana, Fondazione la Fenice di Venezia, Associazione De Sono di Torino, Amici della Musica di Padova, Amici della Musica di Palermo, Società dei Concerti di Brescia, Bologna Festival, Cantar Lontano, Pietà dei Turchini Napoli, Festival di Valle d’Itria e molte altre rassegne e festival.

 Il liutista Giuliano Lucini  dopo il diploma di chitarra classica si è dedicato allo studio del liuto con Massimo Lonardi dipolomandosi presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Franco Vittadini” di Pavia. È specializzato nella letteratura liutistica rinascimentale e barocca, che suona su liuto rinascimentale, liuto barocco e tiorba. Suona come solista e in ensemble in alcune delle più importanti istituzioni musicali italiane.